Il processo ISF®: per trattamenti di superfinitura superficiale

L’acronimo ISF® indica la Superfinitura Isotropica, ovvero un processo di finitura di massa chimicamente accelerato. Viene utilizzata, in particolare, nei settori dell’aeronautica e dell’aerospazio, dei motori e delle corse, delle tecnologie medicali e dei componenti di alta precisione.

Il processo ISF® rappresenta la combinazione ideale tra i processi di finitura chimici e meccanici. Un sottile strato di ossido viene formato sui componenti da trattare mediante composti acidi, e poi perfettamente rimosso con abrasivi selezionati. Si ottiene così una superfinitura (con valori di ruvidità fino a Ra = 0,02 μm e Rz = 0,14 μm), grazie alle quali vengono ridotti i rumori di rotolamento e scivolamento dei componenti, l'attrito e, di conseguenza, anche i consumi energetici e i relativi costi. Contemporaneamente, si allungano gli intervalli di manutenzione e la durata utile.

Esempi di impianti di finitura di massa

Esempi di componenti da sottoporre al processo "ISF®"

  • Alberi a camme
  • Alberi motore
  • Bielle
  • Componenti di motori
  • Componenti per auto da corsa
  • Cuscinetti a sfera e cuscinetti volventi
  • Fibbie di cinture di sicurezza e accessori
    •  
  • Ingranaggi per differenziali
  • Ingranaggi planetari
  • Mazze da golf
  • Molle
  • Organi del cambio e ingranaggi per l'industria
  • Organi di trasmissione per elicotteri
  • Pale di turbine
  • Pignoni a dentatura elicoidale
  • Punterie
  • Ruote dentate
  • Trasmissioni per il settore automobilistico e l'industria
  • Utensili